Chi siamo

Il gestore del Raggio del Sole

La titolare propone un menu con venticinque piatti tutti rigorosamente di derivazione Etiope o Eritrea.

La titolare con lo chef, sarà lieta di accogliervi con la sacralità dovuta all’ospite come vuole la tradizione in uso

presso il popolo etiope/eritreo. Il ristorante è stato inaugurato il 10 gennaio 2015 alla presenza del sindaco di

Udine, Furio Honsell, che ha salutato con soddisfazione questa nuova attività imprenditoriale dicendo:

Sono molto lieto che in città abbia aperto una nuova attività economica. Un luogo che

coniuga la cucina etnica etiope, eritrea e sudanese con la cucina italiana. Luoghi come questo

sono importanti perché rappresentano un’occasione non solo per gustare una gastronomia diversa

dalla nostra, ma sono anche un ritrovo che offre opportunità di approfondimento culturale.

Il ristorante è diventato sempre più anche un punto di ritrovo per la comunità etiope ed eritrea a Udine. Vorrei che

aumentassero i clienti italiani, commenta la titolare, perché crediamo davvero che possa essere un’ottima

occasione di confronto e scambio culturale, sia per gli italiani, sia per i miei compatrioti.

La titolare, il 18 marzo 2017, ha voluto proporre all’insegna del “Gluten Free” un menu rivisitato con l’assenza di

glutine.

Raggio del Sole di Gobena Selamawit Alemayehu - Via Fruch 9/A - Udine (UD) - P.I. 04866320262 - WEB Designer Claudio Rosset

Chi siamo

WEB Designer Claudio Rosset
Via Fruch 9/A - Udine (UD) - P.I. 02832040303
Corno d’Africa di Tiso Giuseppe Sogno

Il gestore del Raggio del Sole

La titolare propone un menu con venticinque piatti tutti

rigorosamente di derivazione Etiope o Eritrea.

La titolare con lo chef, sarà lieta di accogliervi con la

sacralità dovuta all’ospite come vuole la tradizione in uso

presso il popolo etiope/eritreo. Il ristorante è stato

inaugurato il 10 gennaio 2015 alla presenza del sindaco

di Udine, Furio Honsell, che ha salutato con

soddisfazione questa nuova attività imprenditoriale

dicendo:

Sono molto lieto che in città abbia aperto una

nuova attività economica. Un luogo che coniuga

la cucina etnica etiope, eritrea e sudanese con

la cucina italiana. Luoghi come questo sono

importanti perché rappresentano un’occasione non

solo per gustare una gastronomia diversa dalla

nostra, ma sono anche un ritrovo che offre

opportunità di approfondimento culturale.

Il ristorante è diventato sempre più anche un punto di

ritrovo per la comunità etiope ed eritrea a Udine. Vorrei

che aumentassero i clienti italiani, commenta la titolare,

perché crediamo davvero che possa essere un’ottima

occasione di confronto e scambio culturale, sia per gli

italiani, sia per i miei compatrioti.

La titolare, il 18 marzo 2017, ha voluto proporre

all’insegna del “Gluten Free” un menu rivisitato con

l’assenza di glutine.